Archivio per la categoria ‘Miscellanea’

Comunicato Stampa

Presidio del WWF Martina Franca alle uova di tartaruga marina Caretta Caretta
presso Campomarino
Areale Caretta caretta

Areale Caretta caretta

Come noto a Campomarino (Maruggio – TA) la mareggiata ha fatto affiorare un nido di tartarughe caretta caretta: purtroppo su una settantina di uova, i biologi marini volontari del WWF, scortati dalla Guardia Costiera, ne hanno salvate 20 trasferendole da un sito molto praticato dai bagnanti a uno più idoneo. Attualmente il sito è presidiato h24 dai volontari WWF, insieme alla gente del posto che con generosità sacrifica il proprio tempo libero, poiché esiste il rischio che le uova vengano mangiate dai cani o dalle volpi o comunque manomesse.

Il WWF Martina dal 1 agosto sta collaborando con il WWF Taranto al presidio che è organizzato in tre turni 8-14, 14-20,20-8. Per il WWF Martina Franca sta coordinando le attività la ricercatrice biologa Candida Fasano. Chi fosse interessato a partecipare o per maggiori informazioni si può scrivere una mail all’indirizzo martinafranca@wwf.it

Con ogni probabilità si tratta della medesima tartaruga che depose le uova praticamente nello stesso sito tre anni fa. Alla fine del periodo di cova le uova si schiuderanno di notte e le tartarughine conquisteranno il mare attratte dalla luce della luna o delle torce dei volontari. A breve sono attesi i risultati dello studio sui resti delle uova rotte ritrovate insieme a quelle recuperate. Lo studio dovrebbe dire a che stadio di accrescimento sono gli embrioni e quindi si potrebbe ottenere una stima più precisa sulla data di schiusa. Normalmente la covata dura dai 40 ai 70 giorni a seconda della temperatura della sabbia. In genere la schiusa avviene la prima notte di luna piena dopo il quarantesimo giorno di covata.

La tartaruga ha confermato la scelta di uno dei mari più puliti della Puglia per la nidificazione, scelta che rischia di essere vanificata insieme al duro lavoro dei volontari del WWF a causa delle scelte scellerate dell’Amministrazione regionale che persegue, sorda agli appelli delle popolazioni locali e contro la volontà degli stessi abitanti, nel progetto del depuratore di “Specchiarica” con scarico a mare di cui sono già stati appaltati i lavori che insisterebbe proprio nelle zone limitrofe al luogo in cui le tartarughe Caretta Caretta hanno deposto le uova.

Numerosi i curiosi e gli appassionati che chiedono informazioni sull’avvenimento replicatosi praticamente nello stesso luogo a distanza di tre anni e sulla vita delle tartarughe. La popolazione si è dimostrata matura. La politica ancora NO.

 

I edizione del premio internazionale di cucin poesia “Cucin’Arti in Versi”

cucinartiversi

REGOLAMENTO  

[Scarica il pdf del Bando di cucinpoesia CucinartInVersi2014]

Il Premio internazionale di cucin poesia “Cucin’Arti in Versi” nasce dalla sinergia di tre realtà culturali italiane: l’associazione LA SCATOLA DI LATTA, il LABORATORIO ECOMUSEALE (LEB) di Botrugno (LE) e il blog artistico culturale IN PAROLE SEMPLICI.

Il premio si articola in un’unica sezione:

Poesia: (massimo 50 versi) componimento liberamente ispirato alle frasi del libro “Il pane di ieri” di Enzo Bianchi (Einaudi, 2009).

Tra cibo e parola esiste una stretta relazione:

– cibo come prodotto della terra, come prodotto della trasformazione, come elaborazione della materia;
– cibo come elaborazione gastronomica, creazione fantasiosa di pietanze;
– cibo come occasione di socializzazione, di convivio, di scambio culturale;
– cibo come conoscenza delle tradizioni alimentari in quanto elementi culturali ed etnici.

L’elaborato potrà essere composto in lingua italiana, lingua straniera o in dialetto (vernacolo) purché accompagnato da una traduzione italiana.

La partecipazione al concorso è gratuita e senza limiti di età. Gli elaborati dovranno pervenire entro il 20 luglio 2014 al seguente indirizzo di posta elettronica premiocucinarti@gmail.com con indicato nell’oggetto della mail “Premio Cucinarti”.

La premiazione si svolgerà il 30 agosto 2014 presso la chiesetta di Santo Solomo a Botrugno (LE).

Tutti i poeti partecipanti sono invitati a prender parte alla seconda edizione di “CUCIN‘ARTI’ il laboratorio a km 0 sulla tradizione culinaria salentina che si svolgerà durante la giornata di premiazione.

Il laboratorio a km 0, si inserisce all’interno di un ottica più ampia di cooperazione nella valorizzazione e nella promozione del territorio e delle sue tradizioni popolari, i poeti saranno guidati alla preparazione guidata di piatti tipici locali, con lo scopo di far conoscere le metodologie e i processi di preparazione e conservazione di cibi tradizionali popolari come fichi secchi, conserve della nonna, pasta “fatta in casa”, ecc.

Per informazioni sul bando del concorso:

http://parolesemplici.wordpress.com/2014/06/15/premio-internazionale-di-cucin-poesia-cucinarti-in-versi/

https://www.facebook.com/events/1430955573845218/

inparolesemplici@gmail.com

+39 3395920051 (dalle ore 15 alle ore 21)

stand3

La più importante manifestazione B2B a livello mondiale dedicata agli operatori del turismo si è conclusa nei giorni scorsi a Berlino. L’appuntamento, terminato con la partecipazione di migliaia di aziende provenienti da 187 Paesi ed oltre 170.000 visitatori, rappresenta una tappa fondamentale e irrinunciabile nel quadro delle attività di promozione fieristica svolte dal GAL Valle d’Itria. Lo confermano i dati dell’Osservatorio mondiale del turismo UNWTO secondo cui i tedeschi sono i viaggiatori che spendono di più per il turismo all’estero, con una forte propensione per l’Italia e per la Puglia in particolare.

“Patrimonio artistico, paesaggistico, naturalistico e, non ultimo enogastronomico, sono, inutile ribadirlo, le punte di diamante di una offerta turistica che sta crescendo consapevole di quanto ancora c’è da fare. Per questo è stato importante per gli operatori del territorio esserci e confrontarsi face to face con tour operator e buyers mondiali” ha dichiarato Antonio Cardone, direttore del GAL. Difatti più che positiva si è dimostrata, ancora una volta, la scelta di riservare nello stand degli spazi ai co-espositori per lo svolgimento degli incontri con i buyers.

“La ITB è una vetrina di rilievo per un territorio come il nostro che si sta guadagnando un posto strategico nello scacchiere dei flussi turistici internazionali in arrivo verso la Puglia. Per questo la fiera ha rappresentato un utile momento di confronto oltre che una occasione di crescita per i nostri operatori” sostiene il Presidente del GAL Valle d’Itria, Franco Ancona “Certamente l’autenticità e la genuinità dello stile di vita, unitamente alla buona enogastronomia, della Valle d’Itria contribuiscono a far innamorare i turisti ed a trasformare gli stessi, in veicoli di promozione del territorio”.

!cid_image004_png@01CF3D53

cooperazione@galvalleditria.it

www.galvalleditria.it

Arti & Mestieri Expo
Roma12 / 15 dicembre 2013
IMG_2495

La fiera di Roma si anima con i suoni, i colori e i talenti della Puglia. In migliaia hanno ammirato la maestria degli artigiani del legno, del ferro, della cartapesta, della ceramica, al lavoro con i loro attrezzi in veri e propri mini laboratori, con l’originalissimo sottofondo musicale della pizzica e della tammurriata, rigorosamente dal vivo.

Tutto questo è stato reso possibile grazie a Lapis, il progetto di cooperazione interterritoriale (Misura 421 del PSR Puglia- Veneto 2007/2013) tra i Gal (Gruppi di Azione Locale) del Delta del Po, della Valle d’Itria, Dei Trulli e Barsento, delle terre di Murgia e del Sud Est Barese. Protagonisti nel padiglione n.8 della rassegna capitolina Arti e Mestieri Expo 2013.

“Il nostro obiettivo è fare rete, tra territori geograficamente distanti, eppure così affini – ha spiegato Stefano Fracasso, direttore del Gal Delta del Po, capofila del progetto – e intendiamo raggiungere questo obiettivo non solo nell’ambito delle attività imprenditoriali artigianali ed enogastronomiche, ma anche coinvolgendo le scuole del Polesine e della Puglia centrale. Lapis è un seme che abbiamo piantato e di cui vedremo i frutti fra qualche anno”.

Un presepe di pane di Altamura; un trullo in miniatura realizzato con i frammenti di pietra di Martina Franca; radici di ulivi secolari trasformati in sculture; l’intreccio dei rami secchi di pruno e albicocco che diventano cesti; l’argilla plasmata e colorata dalla fantasia di giovani artisti: sotto il segno di Lapis, nei tre giorni di esposizione a Roma, il racconto di una Puglia che riscopre le sue tradizioni e le valorizza come opportunità di sviluppo culturale e imprenditoriale.

Il gemellaggio tra le terre dell’acqua, il Delta del Po e il Polesine, e le terre della pietra, la Puglia centrale, proseguirà: dopo Roma, è prevista la partecipazione a altre manifestazioni nazionali e internazionali, a partire dalla Fiera di Monaco nei primi mesi del 2014.

 Guarda il video

Guarda la foto gallery

FotoSketcher - DSCF2275-1.JPG [1600x1200]
REGOLAMENTO
Il premio si articola in un’unica sezione:

Poesia: (massimo 50 versi) componimento ispirato al detto salentino: E picca pane e picca patarnosci (trad. it. Poco Pane e Pochi Padre Nostri)”.

Le opere dovranno liberamente interpretare il mondo rurale, dando particolare enfasi alle attività che l’uomo svolge per la produzione del cibo, per la tutela degli animali, il rispetto della natura e delle sue stagioni, le tradizioni popolari, il lavoro artigiano e per tramandare il suo bagaglio di valori e
conoscenze alle nuove generazioni.
L’elaborato potrà essere composto in lingua italiana, lingua straniera o in dialetto (vernacolo) purché accompagnato da una traduzione italiana. I componimenti dovranno essere redatti in formato WORD o OPEN OFFICE, carattere Times New Roman – dimensione 12.
La partecipazione al concorso è gratuita e senza limiti di età. Gli elaborati dovranno pervenire entro il 15 dicembre 2013 al seguente indirizzo di posta elettronica premiopiccapane@gmail.comcon indicato nell’oggetto della mail “Premio Piccapane”.

All’interno della mail dovranno essere specificati i seguenti dati:Nome Cognome; Indirizzo; Città; Provincia; C.A.P; Telefono; E-Mail. e dovrà essere riportata la seguente dichiarazione: Dichiaro che il componimento (titolo) è mia opera originale inedita e mai premiata. Acconsento alla sua eventuale pubblicazione o presentazione in pubblico e alla utilizzazione dei miei dati personali a norma di legge.

Una giuria di esperti valuterà i componimenti assegnando ai primi tre classificati prodotti enogastronomici biologici dell’Azienda agricola biologica Piccapane. Inoltre ai tre premiati e agli accompagnatori (uno per ogni premiato) verrà offerta ospitalità per un weekend presso l’Azienda agricola biologica Piccapane sita a Cutrofiano (LE). I premi verranno consegnati soltanto a chi presenzierà all’evento.

Tutte le opere candidate al concorso verranno pubblicate sul blog artistico-culturale IN PAROLE SEMPLICI. Scatola di latta virtuaculturale La premiazione si svolgerà il 28 dicembre 2013 presso l’Azienda agricola biologica Piccapane a Cutrofiano (Le).

Per info: www.parolesemplici.wordpress.com o scrivere all’indirizzo mail: inparolesemplici@gmail.com o contattare telefonicamente lo 3395920051 (dalle ore 18 alle ore 21).

    

POESIA – Storia di una tarantata

Pubblicato: 17 ottobre 2013 da Redazione pse in Miscellanea
Tag:, ,

STORIA DI UNA TARANTATA

Quand’era bimba la mia cara nonna

vide per strada una giovane donna

che dimenava impaziente i suoi arti

ed impressionava parenti e passanti.

Dissero gli anziani alla bimba stupita:

“Fai attenzione quella donna è impazzita,

una taranta l’ha pizzicata

mentre coglieva una pianta spinata!”

Saltando ed urlando le faceva paura,

persona normale era di natura,

ma ora danzava fino a svenire

ai tamburelli non sapeva disobbedire.

Nell’umile stanza della sua dimora,

la folla paesana curiosava ogni ora,

ma un Padre Nostro ed un’Ave Maria,

non si negavano alla sventurata Lia.

Sfilavan le lune e morivano i soli

scalpitava la donna e impazzivan i dottori,

il suo corpo posseduto non provava fatiche

strisciava tra le sedie fra le bocche sbalordite.

A fine giugno capolinea lei fece

nella chiesa dei Santi di un salentino paese,

San Pietro e Paolo ne eran Protettori,

e graziavan da sempre gli sventurati danzatori.

Questa è la storia di Lia la bella

che fu pizzicata dalla tarantella,

persona normale era di natura,

ma ora vive reclusa fra quattro mura.

(di Josè Pascal)

"Esorcismo" di una tarantata

“Esorcismo” di una tarantata

Preceduta da una sigla e da una breve chiacchierata con l’attore Lino Capolicchio, Mia Martini (Bagnara Calabra, 20 settembre 1947 – Cardano al Campo, 12 maggio 1995) esegue uno strepitoso medley dal vivo di tre classici della musica internazionale.

Il video è tratto dallo special tv “Mia” del febbraio 1974.

Mia Martini – Wikipedia

Mia Martini Official Page | chez-mimi.it

Mia Martini – Storia di una voce

Progetto culturale: “Le tesi del Salento”

Pubblicato: 8 aprile 2013 da Redazione pse in Miscellanea
Tag:

Ha preso il via il progetto culturale de “Le tesi del Salento” che permette di pubblicare gratuitamente i lavori di tesi dei laureati Salentini e offre loro opportunità professionali e di crescita personale.

banner

Le Tesi delSalento” è un progetto di valorizzazione e promozione dei lavori di tesi di autori nati e/o residenti nel Salento ovvero nelle province di Brindisi, Lecce e Taranto. Spesso questi lavori, e prima di tutto questi talenti, non vengono valorizzati adeguatamente o non trovano un luogo né virtuale né “territoriale” che dia spazio alle proprie idee.

Custodire in un blog le tesi dei “cervelli salentini” sparsi in tutto il mondo è un modo per conoscere studi e ricerche di particolare rilievo e creare una comunità professionale mettendo in rete la realtà socio-economica con i laureati di ieri, oggi e domani.

Le “Tesi del Salento” è un archivio nel quale aziende profit e no profit, agenzie per la ricerca di personale qualificato, giornalisti, case editrici, studi di consulenza, liberi professionisti e lettori interessati potranno leggere i lavori di tesi e i relativi curricula e contattare gli stessi autori per proporre loro opportunità di lavoro, consulenze, collaborazioni e progetti.

 Per entrare a far parte di questo progetto occorre:

1) essere nati e/o residenti nelle province di Brindisi, Lecce e Taranto;

2) essere l’autore di una tesi di laurea (di qualsiasi facoltà e anno di discussione) triennale, specialistica, magistrale, dottorato e Master.

La pubblicazione su le Tesi del Salento è completamente gratuita.

 

Cogliamo l’occasione per annunciare il lancio del “Premio di laurea Pascar” promosso dall’Azienda Pascar di Taranto che offrirà uno o più colloqui di lavoro ai laureati tarantini che hanno discusso la propria tesi sul tema della GDO e cash & carry.

Tutte le info su: http://wp.me/p1ab1O-49

     

image

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il comunicato stampa a firma congiunta di Italia Nostra, Legambiente Puglia, Touring Club Italiano, WWF Puglia.

Italia Nostra, Legambiente Puglia, Touring Club Italiano, WWF Puglia dicono NO alla proposta di modifica alla legge regionale di tutela degli ulivi monumentali, in discussione martedì 5 marzo in Consiglio Regionale.

Le maggiori associazioni ambientaliste pugliesi esprimono grave preoccupazione per il tentativo, quasi riuscito, di modificare la legge regionale di “Tutela e valorizzazione del paesaggio degli ulivi monumentali”.
La proposta di modifica della legge regionale n. 14/2007 consentirebbe la deroga ai divieti di danneggiamento, abbattimento, espianto e commercio degli ulivi monumentali e la non applicazione delle prescrizioni previste dalle norme tecniche di attuazione (NTA) del Piano urbanistico territoriale tematico per il paesaggio (PUTT/P) nei casi di piani attuativi di strumenti urbanistici generali approvati prima del 4 giugno 2007, giorno di emanazione della vigente legge di tutela degli ulivi monumentali.

In sostanza la proposta tenderebbe a snaturare i principi fondanti della stessa legge regionale che nel 2007, è bene ricordare, fu approvata all’unanimità proprio con lo scopo di tutelare gli oltre cinque milioni di ulivi secolari monumentali pugliesi, ancora oggi oggetto di espianto e commercio illegale.

Cosa più grave, questa modifica ridurrebbe il paesaggio olivetato pugliese alla stregua dei territori costruiti, permettendo così la realizzazione di intere lottizzazioni in zone agricole, senza la necessità dell’ottenimento di alcun parere paesaggistico.

Le associazioni ambientaliste hanno già espresso la propria piena contrarietà durante le audizioni della quinta Commisione consiliare, compentente in materia di ambiente assetto e utilizzazione del territorio, sostenendo le motivate opposizioni avanzate in quella sede anche dall’ARPA Puglia.

Orecchie tappate sia a destra che a sinistra dato che la proposta di modifica è stata comunque approvata in commissione con voti bipartisan: favorevoli i consiglieri Pentassuglia, Zullo, Camporeale, Iurlaro, Congedo, Longo, Mazza, Pastore e Palese; contrari solo Cervellera, Epifani, Laddomada, Ventricelli.

In un assordante silenzio generale, tra pochi giorni – esattamente il 05 marzo prossimo – la proposta di modifica arriva in Consiglio regionale e potrebbe diventare legge!

Per Italia Nostra, Legambiente Puglia, Touring Club Italiano e WWF Puglia si tratta di un gravissimo e ingiustificabile colpo basso della politica, inquadrata in entrambi gli schieramenti, a danno della tutela del più importante patrimonio di natura e paesaggio della Puglia.

Non si comprendono le reali motivazioni che giustificano la modifica della legge regionale 14/2007.

Esistono già soluzioni alternative che permettono di realizzare i piani attuativi di strumenti urbanistici antecedenti alla legge del 2007: ove strettamente necessario, per le aree di espansione urbana, basterebbe modificarli e renderli coerenti e integrati alle peculiarità paesaggistiche del territorio pugliese. Inoltre, anche lo strumento della variante ai piani e progetti già esiste, è legittimo e consentirebbe di contemperare la tutela e valorizzazione degli ulivi monumentali con l’edilizia di qualità.

Prima che sia troppo tardi, le maggiori associazioni ambientaliste di Puglia auspicano un cambio di rotta in Consiglio regionale con l’abbandono di questa scellerata proposta, nel rispetto dei pugliesi, del mondo agricolo, degli operatori turistici, delle generazioni future come di quelle passate che hanno consegnato a tutti un paesaggio unico e irripetibile, finora rimasto intatto nei millenni.

Italia Nostra, Legambiente Puglia, Touring Club Italiano e WWF Puglia chiedono alla Giunta e al Consiglio regionale di affrontare con maggiore coerenza e lungimiranza gli interessi che gravitano tra tutela e sviluppo economico, avendo a cuore anzitutto di preservare i principi della legge regionale n. 14/2007 e accogliendo compitamente le disposizioni contenute nella recente Legge del 14 gennaio 2013, n. 10, proprio in materia di tutela e salvaguardia degli alberi monumentali, dei filari e delle alberate di particolare pregio paesaggistico, naturalistico, monumentale, storico e culturale.

Omaggio a Dave Brubeck (1920-2012)

Pubblicato: 5 dicembre 2012 da Redazione pse in Miscellanea
Tag:, ,

Scheda su Dave Brubeck

Official Website

Il Brubeck Institute